Risparmiare evitando gli sprechi alimentari

di Vito Verna Commenta

Come risparmiare, e guadagnare, cercando di evitare lo spreco alimentare che ognuno perpetra.

Dopo esserci occupati del Natale, cercando di elargire consigli, per quanto umili ed apparentemente banali, che possano far risparmiare sulle principali voci di spesa relative alle imminenti festività, siamo passati ad occuparci di un ben più interessante, importante, fondamentale e decisivo argomento, quello del risparmio energetico, del riciclo, del rispetto ambientale, dell’utilizzo delle fonti di energia rinnovabili.

Queste tematiche, come chiunque può ben intuire, riguardano l’intera collettività globale e, rispetto a molte altre, sono notevolmente più pressanti poiché, dal rispetto delle nascenti regole ecologiste, dipende, davvero, l’esistenza dell’uomo sulla terra.

GUADAGNARE RICICLANDO CARTA E CARTONE

C’è, però, molto di più nel nostro batterci affinché queste trattazioni divengano comuni ai più ed il motivo è, ovviamente, da ricercarsi negli scopi che il blog si prefigge di raggiungere.

Il consumo critico delle risorse a nostra disposizione, infatti, ci permette non soltanto di salvaguardare l’ambiente ma, nella maggior parte dei casi,  anche di risparmiare, considerando l’anno solare, parecchie centinaia di euro e, in alcuni particolari casi, di guadagnare senza sforzo alcuno.

Esempio eclatante, del quale ultimamente si parla con sempre maggior attenzione ed interesse, è quello degli sprechi alimentari che diventano, nonostante tutti gli appelli, sempre più evidenti e devastanti.

GUADAGNARE CON I PANNELLI FOTOVOLTAICI

Secondo una ricerca del 2009, infatti, gli italiani buttano ogni anno, letteralmente nella spazzatura, circa il 27% dei cibi acquistati, a sempre più caro prezzo, presso ipermercati, mercati e simili, mentre gli statunitensi, re degli spreconi, addirittura il 50%.

Ciò equivale, come chiunque potrebbe autonomamente supporre, ad un ingente spreco alimentare che si traduce, di conseguenza, in uno spreco monetario di portata incalcolabile.

Si tralascino infatti, solamente per un momento, le questioni ecologico-ambientaliste e si pensi esclusivamente alla gestione delle proprie finanze.

COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI DOMESTICI

Si intuirebbe così, immediatamente, come ogni famiglia italiana tipo (ovverosia composta da 4 persone), letteralmente sperperi il 27% delle proprie risorse economiche.

Il che equivale, considerando le ultime rilevazioni Istat sull’argomento (che affermano come ogni famiglia italiana spenda, a causa della spesa, circa 6.272 euro ogni anno), ad uno spreco di circa 1.693 annui.

Evitare gli sprechi alimentari, equivalenti al 27% del totale acquistato ogni anno, consentirebbe, ad ogni famiglia italiana, di risparmiare circa 1.693 euro ogni anno.

Rispondi