Come evitare gli sprechi alimentari

di Vito Verna Commenta

Come evitare di buttare nella spazzatura troppo del cibo che, quotidianamente, acquistiamo.

Recentemente abbiamo scoperto, a dire il vero con parecchio stupore, come ogni famiglia italiana potrebbe risparmiare, ogni anno, circa 1.693 euro semplicemente riducendo gli sprechi alimentari che ammontano, secondo le ultime statistiche, a circa il 27% di quanto annualmente acquistato.

Numeri, dunque, da vero e proprio capogiro e che, tra le altre cose, potrebbero indurci alla riflessione in merito alle tematiche ecologico-ambientaliste più pressanti oltre a farci navigare sul web alla ricerca delle più collaudate strategie per evitare gli sprechi alimentari e, dunque, risparmiare anno dopo anno.

RISPARMIARE EVITANDO GLI SPRECHI ALIMENTARI

In realtà, su Senza Soldi, abbiamo già scritto, in diverse occasioni, in merito a questa delicata problematica ma, purtroppo, sempre inserendola, di sfuggita, in articoli che di altri argomenti si interessavano.

Ci sembra, dunque, quanto mai corretto soffermarci, con attenzione, sulla tematica di cui sopra, scrivendo un post interamente dedicato alle metodologie di risparmio alimentare più interessanti che, adesso, andremo brevemente a descrivere così da aiutarvi a ridurre, il più possibile, ogni sorta di spreco (a tal proposito, tra le altre cose, potrebbe risultare molto formativa una visita al sito Guida Consumatore sul quale, all’indirizzo guidaconsumatore.com/consumo_consumatori/come-evitare-gli-sprechi-di-cibo.html, possiamo trovare un’intera sezione dedicata all’argomento).

COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

Ecco, quindi, alcuni consigli utili che, se applicati, consentiranno alla famiglia, sin da subito, di risparmiare parecchie centinaia di euro. Per farlo sarà sufficiente:

– evitare di acquistare quantità di cibo eccedenti il necessario limitando, per esempio, l’adesione alle numerose offerte promozionali che, quotidianamente, invadono gli scaffali, oppure ancora scegliendo di recarsi al supermercato solamente dopo aver mangiato, così da non farsi indurre in tentazione, e solamente muniti di lista della spesa

– evitare di acquistare prodotti freschi a meno che non si abbia l’intenzione di consumarli entro 48 ore

– evitare di acquistare prodotti in scadenza o, nel caso di yogurt o simili, evitare di buttarli quando giunti a scadenza poiché, come molti sapranno, possono venir consumati anche entro i 2 o 3 giorni successivi

GUADAGNARE RICICLANDO CARTA E CARTONE

– evitare di buttare il cibo in scadenza e, soprattutto, gli avanzi, poiché potrebbero tranquillamente venir riciclati grazie a ricette originali, divertenti, alternative

– evitare di acquistare prodotti fuori stagione poiché godono di minor tempo di conservazione

Rispondi