Come pagare il Canone Rai 2014 in ritardo

di Alessandro Bombardieri Commenta

Lo scorso 31 gennaio è scaduto il termine per il pagamento del Canone Rai 2014 senza penali, in questo modo l’importo da pagare comincia ad aumentare, diventando più alto quanto maggiore sarà il ritardo nel versamento.

Rispetto al 2013 il costo del canone Rai non è variato, rimanendo a 113,50 euro (da pagare in un’unica soluzione o a rate) se versato però prima del 31 gennaio 2014. Il pagamento del Canone Rai 2014 spetta a tutti i contribuenti dotati di un apparecchio televisivo; sono invece esclusi tutti gli altri dispositivi come smartphone, PC, notebook, tablet ecc. La prima scadenza del canone è stata fissata per il 31 gennaio. Chi ancora non ha pagato il canone Rai, dovrà corrispondere l’importo originale della tassa più le sanzioni e gli interessi.

In caso di ritardo inferiore ai 30 giorni, è dovuta una sanzione amministrativa pari a 1/12 dell’importo del canone per ogni semestre, pari a 4,47 euro. In caso di ritardo superiore al mese, la sanzione risale a 1/6 del canone per ogni semestre, pari a 8,94 euro. Nel caso in cui il ritardo superi i 6 mesi, ci sono da aggiungere gli interessi di mora, attualmente determinati nella misura dell’1% per ogni semestre compiuto.

Per rinnovare l’abbonamento oltre i termini di legge, si deve corrispondere il canone utilizzando un bollettino di c/c 1107 intestato a:

AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT
RECUPERO CANONI ABBONAMENTO TV

In caso di ritardo nel pagamento sono dovute le sanzioni e gli interessi di mora nelle misure sopra riportate. Tali maggiorazioni sono da versare sul c/c postale n. 104109 intestato a:

AG. ENTRATE DP. I UFF. TERR. TO 1 SAT
SANZIONI AMMINISTRATIVE INTERESSI E SPESE

Se il contribuente non procede al rinnovo dell’abbonamento entro i termini stabiliti, il SAT provvederà subito al recupero bonario, e in seguito ad avviare il recupero coattivo tramite cartella esattoriale, eseguito dal concessionario della riscossione.

Rispondi