Risarcimento danni naufragio Costa Concordia

di Vito Verna Commenta

Alcuni consigli utili per ottenere il risarcimento da parte di Costa Crociere.

E’ indubbio, come dimostrato dalla partecipazione all’evento mediante i più importanti social network, che la disgrazia della Costa Concordia, ammiraglia della Costa Crociere tragicamente naufragata al largo delle coste dell’Isola del Giglio, incagliatasi negli scogli di quella che potremmo considerare quale una delle più belle isole della Penisola, abbia toccato i cuori degli italiani.

DENUNCIA DISSERVIZI ADSL

Messaggi di solidarietà ai parenti delle vittime, addirittura sei secondo le ultime dichiarazioni ufficiali in merito, dei dispersi, ancora molti e per i quali si continua disperatamente a sperare, e dei feriti, si mescolano al rimpianto per una crociera che si sarebbe dovuta svolgere diversamente ed alla rabbia per un capitano giudicato incompetente e presuntuoso, da ieri in carcere su ordine del Procuratore generale di Grosseto Francesco Verusio.

RIMBORSO TRENITALIA PER SCIOPERO O RITARDI TRENI NAZIONALI

A tutto questo bisogna aggiungere, certamente non per essere cinici bensì per cercare di fare informazione nel modo più corretto ed onesto possibile,  cercando di aiutare i superstiti a sopravvivere in qualche modo alla catastrofe di cui sopra, il danno materiale subito dai passeggeri presenti e futuri della Costa Crociere e della Costa Concordia in particolare.

COME CHIEDERE IL RIMBORSO DEL TICKET SANITARIO

Purtroppo le leggi italiane, da questo punto di vista, sono quanto mai infide, labirintiche e restrittive e, nonostante il sicuro coinvolgimento delle assicurazioni ed il ben più che probabile avvio di una class action contro l’armatore genovese, al fine di percepire i rimborsi dovuti nel minor tempo possibile, consigliamo ai lettori coinvolti nella catastrofe di inviare a Costa Crociere una raccomandata con ricevuta di ritorno chiedendo adeguato risarcimento entro lunedì 23 gennaio 2012.

A tal proposito precisiamo altresì che chiunque sia rimasto vittima del naufragio della Costa Concordia potrà richiedere, ed ovviamente ottenere, il rimborso di ogni spesa sostenuta nonché il risarcimento del danno patrimoniale, del danno alla persona e del danno esistenziale eventualmente subiti.

Chiunque, invece, dopo aver prenotato fosse stato in procinto di partire con la Costa Concordia potrà richiedere, a propria discrezione, il rimborso integrale della vacanza non più fruibile oppure ancora l’opportunità di venir imbarcato su una differente nave della Costa Crociere per una crociera il cui valore commerciale sia uguale o superiore a quella precedentemente acquistata.

Rispondi