Risarcimento lavanderia per danno o smarrimento capi

di Stefania Russo Commenta

Risparmiare significa anche acquistare meno, ne deriva quindi che riguardo ai capi di abbigliamento maggiore attenzione...

Risparmiare equivale ad acquistare meno, ne deriva quindi che riguardo ai capi di abbigliamento maggiore attenzione si presta al momento del lavaggio e di sicuro maggiore sarà la loro durata, con evidente risparmio in termini di minori acquisti.

A tal fine, dunque, quando si ha a che fare con capi particolarmente delicati e che necessitano di metodi di lavaggio o di stiratura particolari è preferibile affidarsi a degli esperti portando i capi in lavanderia.

DETERSIVO LAVATRICE FAI DA TE PER RISPARMIARE

Può capitare però che il nostro tentativo di prolungare la vita di un capo abbia un effetto completamente opposto. Non sono rari, infatti, i casi in cui anche gli esperti delle lavanderie sbagliano il lavaggio rovinando irrimediabilmente il nostro capo, oppure può capitare che lo perdano e che quindi non possano più restituircelo.

COME CHIEDERE IL RISARCIMENTO DANNI AL COMUNE

In questi casi, dunque, l’unica cosa da fare è chiedere un risarcimento e tentare quindi di intascare una somma di denaro tale da consentirci di ricomprarne uno simile. A riguardo è bene precisare che in caso di danneggiamento la lavanderia risponde solo nel caso in cui il danno derivi da un suo errore nel lavaggio e non anche dalle indicazioni sbagliate riportate sull’etichetta in merito al tessuto o alle modalità di lavaggio, in quanto in questo caso risulta responsabile il produttore ed è quindi a lui che deve essere inoltrata la richiesta di risarcimento.

Per ottenere il risarcimento, sia in caso di danneggiamento che in caso di smarrimento, è necessario inviare il prima possibile una lettera di richiesta di risarcimento lavanderia tramite raccomandata con avviso di ricevimento, precisando i motivi di tale richiesta, indicando i costi del capo smarrito o danneggiato e allegando documentazione comprovante il prezzo pagato (ad esempio lo scontrino fiscale) e copia della ricevuta della lavanderia. A riguardo, in particolare, per evitare spiacevoli inconvenienti ricordate di farvi sempre rilasciare al momento della consegna del capo da lavare apposita ricevuta in cui compaia l’indicazione dei singoli capi consegnati.

Rispondi