Liquidità al massimo grazie ai conti deposito

di Vito Verna 1

Scegliere strumenti finanziari liquidi, quali i conti deposito, potrebbe consentirci di difendere il capitale e di ottenere, a fine anno, almeno il superamento dell'asticella dell'inflazione.

La liquidità, che in passato è stata decisamente snobbata, sia dai fondi di investimento che dai consulenti, dagli advisor, dai giornali specialistici e simili, a favore di strumenti finanziari più aggressivi e che potessero far girare velocemente il denaro e, dunque, l’economia, sta tornando rapidissimamente di moda e, oltre agli ormai tradizionali istituti di credito online, spesso nient’altro che l’espressione virtuale di banche fisiche vere e proprie, anche dalle più classiche realtà che, mai e poi mai, si sarebbe pensato avrebbero potuto rispolverare strumenti, decisamente cauti, quali libretti di risparmio e conti deposito, vincolati o no.


COME GUADAGNARE CON I PRONTI CONTRO TERMINE

I motivi di questa nuova moda, secondo gli esperti, sarebbero da ricercarsi in due fattori fondamentali, ovverosia:

– il periodo di crisi che i mercati mondiali stanno vivendo e che, dopo la bruciatura dei mutui subprime, degli strumenti derivati e delle altre opportunità offerte dalla finanza creativa, consigliano ponderatezza e prudenza

– i vantaggi fiscali offerti dalla manovra finanziaria che, come abbiamo avuto più volte modo di ricordare, ha ridotto l’imposizione fiscale sui suddetti strumenti finanziari dal 27 al 27%

MIGLIORI DEPOSITI DEL 2011

Ciò significa, traducendo la questione in soldoni, che scegliere, oggi, uno strumento finanziario che garantisca liquidità e difesa del capitale investito, quale potrebbe essere, per esempio, un conto deposito vincolato, potrebbe voler significare arrivare ad incassare, ogni anno, il 4,5% lordo che, tenuto conto della tassazione al 20% e del costo della vita al 3%, riesce a consentire di incassare una sommetta non certo stratosferica ma, tutto considerato, decisamente discreta.

Commenti (1)

Rispondi