Un milione di famiglie senza reddito

di GianniPug Commenta

L’Istat ha fotografato una condizione drammatica per un milione di famiglie italiane, costrette a vivere senza alcun reddito da lavoro spesso a causa della perdita del lavoro di uno o più componenti del nucleo familiare

L’Istat ha fotografato una condizione drammatica per un milione di famiglie italiane, costrette a vivere senza alcun reddito da lavoro spesso a causa della perdita del lavoro di uno o più componenti del nucleo familiare. La situazione è sempre più nera per le famiglie, mentre l’economia italiana va peggio di novembre 2011. Secondo l’Istat nel 2012 quasi un milione di famiglie italiane sono risultate senza reddito. Andando ancor più nel dettaglio dell’indagine Istat, va rilevato che sono 955mila le famiglie con tutti i membri appartenenti alla forza-lavoro in cerca di occupazione.

Il dato evidenzia un aumento del 32,3% rispetto a dodici mesi prima. Di queste famiglie senza reddito sono senza un reddito da lavoro 234mila single, 183mila famiglie monogenitore, 74mila coppie senza figli e 419mila coppie con figli. L’Istat rileva che ci sono poi altre 45mila famiglie senza reddito, che sono state inserite tra “altre tipologie”. Da qui si spiega anche il crollo della spesa, tanto che i consumi delle famiglie tornano ai livelli degli anni ’90.

Più della metà delle famiglie senza reddito si trova nel Mezzogiorno (51,8%), a quota 495mila. Al Nord sono 303mila le famiglie senza reddito da lavoro, al Centro 157mila. L’Istat ha sottolineato che queste famiglie vivono in condizioni di forte disagio economico e si tratta di nuclei familiari dove c’è la disoccupazione più totale.

C’è poi chi, nonostante la crisi, gongola e vive da “rentier”, ovvero grazie a rendite sul capitale o immobiliari. L’Istat non esclude che ci siano molti casi di famiglie che risultano senza reddito da lavoro, ma anche allo stesso tempo dispongono di rendite per sopravvivere anche senza lavorare. Tuttavia, la cifra dovrebbe essere assolutamente trascurabile sulla totalità dei casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>