Risarcimento ritardo volo aereo

di Stefania Russo Commenta

La Carta dei Diritti del Passeggero stabilisce che in caso di ritardo prolungato nella partenza di un volo, in particolare

La Carta dei Diritti del Passeggero stabilisce che in caso di ritardo prolungato della partenza di un volo, in particolare nel caso in cui il ritardo supera le cinque ore, il passeggero ha diritto a rinunciare alla partenza e ad ottenere in cambio il rimborso del prezzo del biglietto per la parte di viaggio non ancora effettuata.

Sempre per quanto riguarda il caso di ritardo prolungato della partenza di un volo, la sentenza n. 402 della Corte di Giustizia Europea datata 19 ottobre 2009 ha stabilito che nel caso in cui il ritardo superi le 3 ore, il passeggero ha diritto allo stesso indennizzo previsto in caso di cancellazione del volo o in caso di overbooking.

RISARCIMENTO VACANZA ROVINATA

In altre parole, dunque, secondo la sentenza pronunciata dalla Corte di Giustizia Europea, in questo caso il viaggiatore ha diritto al rimborso del prezzo del biglietto entro sette giorni e ad una compensazione finanziaria il cui importo varia in base alla distanza percorsa dal volo cancellato. Tale indennizzo, in particolare, parte da 250 euro per i voli comunitari che percorrono distanze uguali o inferiori a 1.500 Km fino ad arrivare a 600 euro per i voli internazionali che percorrono distanze oltre i 3.500 Km.

LETTERA DI RISARCIMENTO VACANZA ROVINATA

Inoltre, se il passeggero subisce a causa del ritardo dei danni, può richiedere alla compagnia aerea il risarcimento fino ad un importo massimo di circa 4.800 euro.

In entrambi i casi il risarcimento non viene corrisposto nel caso in cui la compagnia aerea riesca a dimostrare di aver adottato tutte le misure necessarie e possibili per evitare il ritardo oppure che era impossibile adottarle.

Rispondi