Risparmiare sulla pulizia della cucina

di Vito Verna Commenta

Alcuni consigli per pulire la cucina in maniera ecologica ma soprattutto economica.

Dopo aver visto come usare i rifiuti per fare detersivi ecologici e come realizzare un ottimo detersivo lavatrice fai da te ci sembra giusto, così da ampliare ulteriormente il discorso e riuscire a segnalarvi quante più risorse gratuite possibili, descrivervi alcune strategie che vi aiuteranno nella preparazione casereccia di detersivi e detergenti ecologici, utili soprattutto in cucina, da impiegarsi per la corretta ed economica pulizia dei piatti, sia a mano che in lavastoviglie, dei vetri, spesso anneriti a causa dei fumi esalanti dalla preparazione dei nostri piatti preferiti, del lavandino e dell’aria grazie ad un profumatissimo ed efficace deodorante per ambienti.

PULIZIA FAI DA TE DEI PIATTI

Per pulire i piatti in maniera ecologica ed economica si potrà utilizzare un detersivo casereccio a base di limoni, sale ed aceto.

Per prepararlo occorrerà, molto semplicemente, tritare un limone, compresa la scorza ed i semi, con poco sale, preferibilmente grosso, sino ad ottenere una poltiglia perfettamente amalgamata, priva di grumi, residui, fibre o quant’altro, che andremo ad unire ad un mix composto, in parti uguali, di acqua ed aceto. Il risultato finale, che dovrebbe essere equivalente a circa un litro di prodotto, andrà bollito per circa 10 minuti e, dunque, lasciato raffreddare all’interno di una bottiglia ermeticamente chiusa.

PULIZIA FAI DA TE DEL LAVANDINO

Capita molto spesso che il lavandino, per disattenzione o dimenticanza, si intasi, inevitabilmente bloccando lo scorrere dell’acqua che, come molti sapranno, ristagnerà emanando un cattivissimo odore. Per ovviare al problema in maniera economica sarà possibile creare uno sturalavandini domestico mescolando 150 grammi di bicarbonato a 150 grammi di sale grosso. Il composto andrà versato direttamente nello scarico, privato dell’eventuale acqua stagnante, versandovi sopra, pochissimi istanti dopo, almeno un litro di acqua bollente.

PULIZIA FAI DA TE DEI VETRI

I vetri delle finestre di casa sono facilissimi da sporcare: basta una manata, involontaria, ed il gioco è fatto. Se poi la finestra si trovasse in cucina, pur con tutte le attenzioni del caso, il danno sarebbe assicurato.

Per rimediare si potrà ricorre ad un prodotto industriale o ad un più economico spruzzino fai da te realizzato mescolando, in un flacone perfettamente pulito, 100 millilitri di alcol puro, 400 millilitri di acqua (distillata nel caso in cui quella del rubinetto fosse eccessivamente calcarea), una decina di gocce di detersivo per i piatti (potrebbe andar bene anche quello fai da te la cui preparazione abbiamo visto poc’anzi) e poche gocce di un qualsiasi olio essenziale

PULIZIA FAI DA TE DELL’ARIA

Una cucina, pur con tutte le precauzioni necessarie e per quanto gradevole sia l’odore del pasto appena cucinato, puzzerà sempre di fritto, di arrostito, di rosolato e, a meno con si voglia trascorrere l’inverno con le finestre aperte, bisognerà in qualche altro modo porvi rimedio.

Per farlo si potrà realizzare un deodorante per ambienti semplicemente ponendo, in una piccola bacinella, del bicarbonato (ottimo assorbi-odori) o della polvere di caffè mischiata a poco aceto.

Rispondi