Nuovi tassi di interesse libretti postali nel 2012

di Stefania Russo Commenta

Per fronteggiare la concorrenza derivante dai sempre più gettonati conti deposito e, soprattutto, per evitare...

Per fronteggiare la concorrenza derivante dai sempre più gettonati conti deposito e, soprattutto, per evitare che l’introduzione del bollo per giacenze sopra i 5.000 euro causasse la perdita di un ingente numero di clienti, Poste Italiane ha rivisto al rialzo i rendimenti riconosciuti ai titolari di libretti postali.

A partire dal 1° gennaio 2012, infatti, sarà riconosciuto il tasso di interesse “oro” pari all’1,40% lordo a tutti i titolari di un libretto postale, contro il rendimento giallo dello 0,90% e il rendimento oro pari all’1,15% riconosciuti fino al 31 dicembre 2011.

PRODOTTI DI RISPARMIO E INVESTIMENTO POSTE ITALIANE

Ma non è tutto. Per la liquidità addizionale apportata nel mese di dicembre 2011 verrà riconosciuto un bonus pari a 10 euro di interessi per ogni 1.000 euro versati. Inoltre, per tutto il 2012 esclusivamente sulla liquidità addizionale risultante sul libretto nominativo ordinario sarà riconosciuto un tasso di interesse dell’1,60% lordo.

COME APRIRE UN LIBRETTO POSTALE

Novità sul fronte dei tassi di interesse sono previsti anche per i libretti postali dedicati ai minori. In questo caso è prevista sulla liquidità addizionale versata nel periodo compreso tra il 1° e il 31 dicembre 2011 una maggiorazione di rendimento, riconosciuta nel 2012, e pari all’1,00% annuo lordo rispetto al tasso vigente. Per ottenere tale maggiorazione è però necessario che il libretto postale non venga estinto nel corso del 2012.

Per i genitori dei bambini nati in Italia tra il 1° ottobre e il 31 dicembre 2011 è prevista una promozione in forza della quale è possibile aprire un libretto Io Cresco intestato al bambino e su cui verrà accreditato un deposito simbolico di 10 euro offerto dalla Cassa Depositi e Prestiti. Il libretto potrà essere aperto entro il 31 marzo 2012 e il deposito simbolico resterà vincolato per 12 mesi dalla data di accredito (ancora da definirsi e comunque successiva al 31 marzo 2012).

Rispondi