Euribor può salire sopra lo 0,5% entro fine 2013

di GianniPug Commenta

Dopo essere sceso sui minimi storici allo 0,188% a inizio anno, il tasso Euribor a tre mesi è salito allo 0,214% e ora le attese del mercato sono per un graduale ma costante rialzo fino allo 0,54% entro fine anno

Dopo essere sceso sui minimi storici allo 0,188% a inizio anno, il tasso Euribor a tre mesi è salito allo 0,214% e ora le attese del mercato sono per un graduale ma costante rialzo fino allo 0,54% entro fine anno. La proiezione è ottenuta con i futures sull’Euribor quotati a Londra. Si tratta del livello più alto da sette mesi a questa parte, ma soprattutto un livello più che doppio rispetto a quanto si poteva prevedere circa un paio di settimane fa.

L’Euribor a tre mesi è molto importante perché è il tasso interbancario al quale sono agganciati quasi tutti i mutui a tassi variabili. In realtà sul mercato europeo dei tassi di interesse di breve termine è avvenuto negli ultimi giorni un rialzo che, sebbene molto contenuto, può offrire spunti interessanti. Infatti, il surplus di denaro nel sistema finanziario si sta riducendo sotto i 450 miliardi e ciò sta mettendo maggiormente sotto pressione la curva dei tassi a breve termine.

MUTUI: COSA FARE SE LA BANCA NON CONCEDE IL PRESTITO

Basta osservare anche il balzo dei tassi sui Bund biennali, da diversi mesi in territorio negativo, e ora tornati a quotare allo 0,28%, superando tra l’altro i rendimenti offerti dai T-Bond americani (che sono un altro classico “porto sicuro” sul mercato dei bond governativi). In effetti, venerdì è stata diffusa la notizia del rimborso di un quarto del denaro preso a prestito dalle banche europee dalla Bce nell’ambito delle operazioni Ltro a 3 anni, lanciate da Mario Draghi a dicembre 2011 e a febbraio 2012.

MUTUI: SPECULAZIONE DELLE BANCHE SUI TASSI

Ad ogni modo il lieve rialzo dei tassi interbancari non deve spaventare chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile. Nei prossimi mesi potrebbero esserci scostamenti nell’importo della rata di pochissimi euro o addirittura impercettibili. Di certo è anche vero che la discesa ininterrotta dei tassi interbancari in atto ormai dalla fine del 2008 potrebbe ssere giunta al termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>