Come recedere da un contratto polizza vita

di GianniPug Commenta

A volte capita che un risparmiatore – dietro la pressione e la consulenza in conflitto di interesse del venditore/assicuratore - stipuli un contratto assicurativo sulla vita, per poi accorgersi che le clausole previste non siano particolarmente favorevoli

A volte capita che un risparmiatore – dietro la pressione e la consulenza in conflitto di interesse del venditore/assicuratore – stipuli un contratto assicurativo sulla vita, per poi accorgersi che le clausole previste non siano particolarmente favorevoli. Diciamo subito che c’è la possibilità di recedere dal contratto. E il tutto in un arco di tempo piuttosto ristretto: 30 giorni. Il diritto di recesso in ambito assicurativo è regolato dall’articolo 177 del Codice delle Assicurazioni, in base a quanto contenuto nel Decreto Legislativo 209/2005.

L’articolo recita in questo modo: “Il contraente può recedere da un contratto individuale di assicurazione sulla vita entro 30 giorni dal momento in cui ha ricevuto comunicazione che il contratto è concluso”. Insomma, in gioco non rientratno le variabili come la stipula del contratto in sede o fuori sede o la figura del collocatore (promotore finanziario, agente assicurativo, addetto bancario). Il tutto è legato al contratto stesso di assicurazione sulla vita.

DIRITTO DI RECESSO DAI CONTRATTI DI INVESTIMENTO

Questa possibilità infatti non vale per i contratti assicurativi ramo danni, in quanto l’articolo 177 summenzionato è relativo solo alle assicurazioni sulla vita con durata pari o superiore a 6 mesi. Intanto una recente sentenza del Tribunale di Parma (n. 1107/2010 del primo giugno 2010) ha messo in dubbio l’impignorabilità dei contratti assicurativi sulla vita, nonostante nel contratto fosse specificata l’insequestrabilità e l’impignorabilità.

DIRITTO DI RECESSO PRESTITO

Tutto ruota attorno alla natura del contratto: la polizza assicurativa non è pignorabile; il contratto finanziario è invece pignorabile. In attesa di nuovi gradi di giudizio, è stato deciso che i contratti assicurativi sulla vita sono impignorabili e insequestrabili in fase di accumulo del capitale e in fase di erogazione della prestazione. Si tratta di una variabile che rende questi contratti molto appetibili, senza contare l’esenzione da imposte di successione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>