Come uscire da una condizione di sovraindebitamento

di GianniPug Commenta

A fine 2012 risulta che ben 1,2 milioni di famiglie italiane sono sovraindebitate. La stima è stata fatta dall’economista Carlo Milani dell’associazione ProSeguo, mentre le rilevazioni di Bankitalia sono meno severe

A fine 2012 risulta che ben 1,2 milioni di famiglie italiane sono sovraindebitate. La stima è stata fatta dall’economista Carlo Milani dell’associazione ProSeguo, mentre le rilevazioni di Bankitalia sono meno severe. Tuttavia, con la crisi economica che continua a mordere risparmi e redditi, i conti delle famiglie sono sempre più in rosso. Così si è costretti a ricorrere ai debiti, con pagamenti a rate diluiti nel tempo per acquistare beni e servizi di ogni tipo. Il sovraindebitamento è quella condizione economico-finanziaria che non consente di riuscire a far fronte ai propri obblighi.

Secondo le ultime statistiche della Banca d’Italia, il 90% delle famiglie sovraidebitate possiede un reddito medio-basso. Nella Finanziaria 2013 è stata modificata la definizione di sovraindebitamento. Questa condizione viene definita come un perdurante squilibrio tra obbligazioni assunte e patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte. E’ la definitiva incapacità del debitore di adempiere alle proprie obbligazioni.

COME USCIRE DAI DEBITI E VIVERE PIU’ FELICI

Secondo l’economista Carlo Milani, oggi le famiglie sovraindebitate sono circa 1,2 milioni, ma nel 2000 erano appena 190mila. La stima di Milani è molto diversa da quella di Bankitalia, ma l’esperto spiega che la sua definizione di sovraindebitamento è stata presa direttamente dalla letteratura tedesca. Si considerano due vincoli: il patrimonio che la famiglia può vendere in tempi brevi per pagare i debiti; il rapporto tra debito, patrimonio e reddito.

Per queste famiglie sovraindebitate ora c’è uno spiraglio di luce, una soluzione che arriva direttamente da alcuni istituti previsti dalla legge. Agli inizi del 2012 è stata introdotta una procedura di “esdebitazione” dei soggetti sovraindebitati, a patto che siano rispettate certe condizioni e fatta salva la buona fede del debitore. Si concede la possibilità di uscire dai debiti ed essere rimessi “in bonis”. Per la sua piena applicabilità è atteso un decreto del nuovo governo Letta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>