Detrazioni fiscali per familiari a carico

di Alessandro Bombardieri Commenta

Breve guida sulla detrazioni fiscali per familiari a carico.

Vengono considerati familiari fiscalmente a carico i membri della famiglia che nell’anno di riferimento hanno avuto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.


Gli oneri e spese danno diritto alla detrazione o alla deduzione anche se stati sostenuti nell’interesse delle persone fiscalmente a carico. La detrazione spetta anche se non si usufruisce delle detrazioni per carichi di famiglia, le quali sono attribuite interamente ad un altro soggetto. Il documento che certifica la spesa deve essere intestato al contribuente o al figlio fiscalmente a carico: le spese devono essere suddivise tra i due genitori in base a come sono state effettuate realmente. Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell’altro, tutta la spesa sostenuta può essere interamente detratta dall’altro coniuge.

DETRAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 2013

Per le spese di istruzione dei propri familiari bisogna indicare le spese di istruzione sostenute nel 2012, anche se si riferiscono a più anni, tra cui l’iscrizione ad anni fuori corso, per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private, in misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani.

Per poter avere la detrazione l’università deve trovarsi in un Comune distante almeno 100 km dal Comune di residenza dello studente e comunque in una Provincia diversa oppure nel territorio di uno Stato membro dell’Unione europea o in uno degli Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo con i quali sia possibile lo scambio di informazioni. Per le spese per attività sportive praticate dai ragazzi si devono indicare le spese sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni, ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture e impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica. Le spese sanitarie sostenute nell’interesse dei familiari non a carico, che soffrono di patologie che hanno diritto all’esenzione dalla spesa sanitaria pubblica, danno diritto alla detrazione per la parte che non trova spazio nell’imposta dovuta dal familiare non a carico.

Rispondi