Concimare le piante in modo naturale per risparmiare

di Alessandro Bombardieri Commenta

Guida per realizzare un concime naturale in casa...

Per risparmiare soldi è possibile realizzare un concime naturale, usando i rifiuti umidi che si producono ogni giorno in casa, così come le erbacce che si tolgono dal giardino oppure le foglie secche delle piante.


Per prima cosa bisogna individuare un angolo del giardino piuttosto riparato, dove si andrà a scavare una buca profonda circa 60 o 70 cm di profondità e larga almeno 50 cm così da poter mescolare il materiale in maniera agevole quando serve. Quando abbiamo realizzato la buca, al suo interno può essere rovesciato tutto ciò che serve per realizzare il concime naturale.

DETERSIVO PAVIMENTI FAI DA TE

Per realizzare un buon concime è importante mescolare nella buca resti di cibo come per esempio bucce di banane e frutta in genere, resti di caffè, filtri di te, foglie di verdura, riso scaduto, foglie secche, erba del giardino, piccoli rametti e i resti della cenere del camino. Dopo aver aggiunto tutto questo bisogna coprire la buca lasciando però circolare l’aria al suo interno, ed una volta a settimana bisogna mescolare il composto così da fare arieggiare ed amalgamare il tutto. Il composto realizzato sarà pronto per l’utilizzo circa 4 mesi dopo averne iniziata la creazione.

Le piante hanno bisogno di essere concimate almeno due volte all’anno, quindi bisogna scavare attorno alla pianta (non direttamente sulle radici) ed inserire il composto intorno, ricoprirlo con la terra e innaffiare. Usando questo concime realizzato usando scarti di casa, si vedranno molto presto i risultati, infatti le piante diventeranno più forti e il colore delle foglie diventerà più brillante.

Rispondi