Come aprire una frutteria

di Cristina Baruffi 1

Rimanendo in tema di lavori innovativi, vi proponiamo l'apertura di una frutteria, cioé un negozio che oltre a vendere insalate di frutta prepara centrifughe, e coppette take away con yogurt...

Rimanendo in tema di idee di business, vi proponiamo l’apertura di una frutteria, cioé un negozio che oltre a vendere insalate di frutta prepara centrifughe, e coppette take away con yogurt. Il progetto è sicuramente innovativo, anche se la parte burocratica può risultare noiosa, perché bisogna fornire all’Asl progetti e spiegazioni sulle macchine e le attrezzature.

Chi ha deciso di lanciarsi in questa sfida si ritiene soddisfatto, infatti consiglia di puntare molto sui prodotti stagionali (offrendo frutta di altissima qualità) e sul servizio consegne a domicilio per privati e aziende laddove c’è un ordine consistente. Per aprire una frutteria la soluzione migliore è sicuramente un piccolo spazio (35 mq) dove offrire anche nella stagione invernale minestroni, zuppe e vellutate in modo da fidelizzare il cliente tutto l’anno.

SCOPRI COME APRIRE UN NEGOZIO IN FRANCHISING

Per un take away diurno ci vogliono almeno 3 persone e l’investimento iniziale si aggira intorno ai 50 mila euro, di cui la spesa più ingente riguarda l’acquisto delle materie prime, mentre il 6% è da attribuire ai materiali di consumo come vaschette, forchette e piattini in plastica. Se si decide di aprire il punto vendita in una zona di passaggio o centrale è stato stimato un fatturato di circa 300 mila euro l’anno vendendo al pubblico coppette di frutta che costano dai 2 ai 7 euro, frullati dai 3 ai 5 euro e centrifughe di frutta e verdura a 5 euro.

Commenti (1)

Rispondi