Prestiti tra privati per risparmiare sulle commissioni bancarie

di Vito Verna Commenta

Siamo sicuri che anche voi siete stufi del credit crunch operato dai più differenti istituti di credito che, con sempre maggiori difficoltà, accetterebbero di fare credito a chiunque ne abbia effettivamente bisogno.

Siamo sicuri che anche voi, nostri fedeli lettori ed indefessi seguaci, siete stufi del credit crunch operato dai più differenti istituti di credito che, con sempre maggiori difficoltà e, purtroppo, a tassi d’interesse sempre più elevati, accetterebbero di fare credito a chiunque ne abbia effettivamente bisogno.

COMMISSIONI AZZERATE PER SCOPERTO CONTO SOTTO 500 EURO

Così come, ne siamo altrettanto sicuri, siete stanchi delle commissioni bancarie, dell’intermediazione degli esperti, delle lunghe code agli sportelli piuttosto che dinanzi alla porta, apparentemente impenetrabile, del direttore della filiale della vostra banca e di tutte le più meno complicate pratiche burocratiche che sarebbe necessario espletare per poter godere dell’opportunità di richiedere un prestito la cui entità sia tutt’altro che imponente.

VANTAGGI E SVANTAGGI DEL CONTO DEPOSITO

Perché, dunque, non abbandonare, definitivamente, gli istituti di credito per poi approdare al mondo, sempre più conosciuto e diffuso tra tutta la popolazione italiana, europea e mondiale, dei prestiti personali peer-to-peer e del social lending?

DIRITTO DI RECESSO PRESTITO

L’idea alla base dell’iniziativa, nata nel 2005 in Gran Bretagna e, da li, diffusasi velocemente e proficuamente in tutto il mondo, sarebbe quella che, evitando qualsivoglia forma di intermediazione creditizia e, appunto, organizzandosi tra privati cittadini, sia creditore che debitore possano effettivamente addivenire, in brevissimo tempo e senza alcuna difficoltà, ad un accordo estremamente vantaggioso per entrambe le parti coinvolte nell’affare.

Attuale, purtroppo, codesta pratica, forse per diffidenza piuttosto che per scarsa conoscenza del fenomeno, sarebbe in Italia non ancora moltissimo diffusa ne radicata sul territorio e, allo scopo di ottenere un prestito personale, specie se di piccola entità (quale potrebbe essere, a titolo puramente esemplificativo, quello necessario a comprare una nuova autovettura), da un privato cittadino, bisognerà obbligatoriamente rivolgersi all’unico portale online attualmente attivo nel settore: smartika.it.

Rispondi