ISTAT quasi un terzo degli italiani a rischio povertà

di GianniPug Commenta

L'Istat certifica che il 28,4% degli italiani è a rischio povertà o di esclusione sociale. Il dato si riferisce al 2011 ed evidenzia una crescita dell’indicatore del tasso di povertà del 2,6% rispetto all’anno precedente

Nuova amara certificazione dell’Istat sullo stato di salute dell’economia italiana. Mentre crolla la produzione industriale e il pil si inabissa con un calo del 2,4% su base annua nel terzo trimestre dell’anno, l’Istituto nazionale di statistica certifica che il 28,4% degli italiani è a rischio povertà o di esclusione sociale. Il dato si riferisce al 2011 ed evidenzia una crescita dell’indicatore del tasso di povertà del 2,6% rispetto all’anno precedente. Le persone a rischio povertà sono aumentate al 19,6% dal 18,2%, le persone che soffrono di pesante deprivazione all’11,1% dal 6,9%.

Le persone deprivate sono quelle che si trovano in una condizione di involontaria incapacità di sostenere spese per determinati beni o servizi, come il pagemento delle bollette, l’affitto, la rata del mutuo, riscaldamento inadeguato, incapacità di affrontare spese impreviste, non potersi permettere l’automobile. Al sud il fenomeno della deprivazione è più del doppio rispetto al centro e il triplo rispetto al nord.

GOVERNO MONTI HA PEGGIORATO LA CRISI ECONOMICA

Il rischio di povertà o di esclusione sociale è maggiore della media europea, ferma al 24,2%. I dati Istat sono impietosi dal lato della deprivazione. Infatti, è in aumento il numero di italiani che non riescono a riscaldarsi adeguatamente (al 17,9% dall’11,2%) oppure di coloro che non riescono a sostenere spese impreviste di 800 euro (al 38,5% dal 33,3%). Le famiglie italiane più esposte a questo rischio sono quelle più numerose e a basso reddito.

ITALIA, DISOCCUPAZIONE SALE ALL’11,1% A OTTOBRE 2012

In base ai dati sul reddito del 2010, iI rischio povertà è maggiore nel Mezzogiorno. Il 50% delle famiglie ha percepito un reddito netto non superiore ai 24.440 euro l’anno (ovvero poco più di 2.000 euro al mese). Nel sud e nelle isole metà delle famiglie percepisce poco meno di 20.000 euro l’anno (ovvero circa 1.665 euro mensili).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>