Come ridurre le tasse sugli immobili secondo Altroconsumo

di GianniPug Commenta

Secondo l’associazione Altroconsumo esistono diverse iniquità da superare che riguardano i contribuenti, in merito alle tasse sugli immobili. Il governo ha preso l’impegno di una revisione della fiscalità sugli immobili prima della fine dell’estate, ma Altroconsumo sostiene che esiste ancora molta confusione in merito.


Altroconsumo, durante un’audizione al Senato presso la VI Commmissione Finanze e Tesoro, ha presentato una proposta di riforma organica della tassazione sugli immobili, partendo dall’Imu per arrivare fino al catasto e coprendo anche il tema della tassa sui rifiuti (Tarsu, Tia, Tares). Altroconsumo ha l’obiettivo finale di far pesare meno la tassazione sui conti bancari dei contribuenti.

COME PAGARE L’IMU CON IL MODELLO F24

Altroconsumo ha chiesto al Parlamento di tutelare i diritti dei cittadini in merito al pagamento della Tia. I cittadini pagando l’Iva infatti hanno dovuto effettuare il versamento di una tassa sulla tassa, non a caso l’associazione ha già avviato una class action. Secondo l’associazione bisogna risolvere molti problemi, a partire da quelli legati al catasto, che necessita di una riforma per allineare il valore degli immobili a quello di mercato.

L’associazione sostiene inoltre che l’Imu deve essere rivista a fondo, inserendo l’esenzione dalla tassa per le prime case o comunque inserendo criteri di equità che tengano delle maggiori difficoltà che hanno le famiglie numerose e quelle che al loro interno hanno persone disabili. Infine Altroconsumo ha anche chiesto l’aumento della cedolare secca al 25%, la stabilizzazione delle detrazioni su ristrutturazioni e riqualificazione energetica, oltre all’introduzione della detraibilità al 19% del canone d’affitto pagato dalle famiglie sulla prima casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>