Come pagare la Tares

di GianniPug Commenta

Guida per il pagamento della Tares.

A partire da quest’anno spariscono l’attuale imposta sui rifiuti, ovvero la Tarsu e la Tia, per lasciare invece spazio ad un nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi indivisibili, che prende il nome di Tares.


La Tares è un tributo che ha una base imponibile unica, basato sulla superficie dell’immobile e si divide in due parti, cioè la componente per i rifiuti, che ha natura di tassa collegata al servizio di smaltimento degli stessi e la componente per i servizi indivisibili, che ha natura di imposta, in quanto non collegabile ad una determinata sezione di contribuenti ma riferibile alla collettività. La Tares deve essere pagata da chi possiede, occupa o detiene a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Il pagamento della Tares va effettuato tramite modello F24: è possibile pagare il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi utilizzando il modello F24 presso gli sportelli di banche, Poste e agenti della riscossione, oppure sfruttando i servizi di home-banking e remote-banking o i servizi online messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, come Entratel e Fisconline, presenti su www.agenziaentrate.it.

MODELLO F24 PER IMU

I codici tributo devono essere indicati nella sezione “Imu e altri tributi locali”, inoltre bisogna indicare nello spazio “codice ente/codice comune”, anche il codice catastale del Comune dove sono situati gli immobili e in quello “numero immobili” bisogna riportare il numero degli stessi con massimo 3 cifre. Nello spazio “Ravv.” bisogna barrare se il pagamento si riferisce ad un ravvedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>