Risparmiare acquistando carburanti in Svizzera

di Vito Verna 1

Alcuni consigli per risparmiare, in tempo di crisi, sull'acquisto dei carburanti.

L’aumento del prezzo della benzina fino a 2 euro, conseguenza diretta dell’aumento delle accise nella legge di stabilità e dell’aumento dell’addizionale regionale sulle accise scattato il 1° gennaio 2012, starebbe provocando un vero e proprio esodo degli automobilisti italiani verso l’estero, in particolare verso la Svizzera, nella speranza di riuscire a risparmiare più di quanto già si faccia grazie ai consigli di guida per risparmiare carburante che sempre più spesso possiamo scovare su una miriade di siti web della più differente natura.

Eppure questa pratica, ormai diffusissima in qualsiasi luogo d’Italia possa dirsi, anche alla lontana, confinante con la Svizzera, potrebbe in realtà non essere conveniente quanto creduto e potrebbe costarci non soltanto più di quanto previsto ma addirittura molto più di quanto ci costerebbe nel caso in cui decidessimo di continuare ad effettuare il rifornimento presso il nostro distributore di fiducia.

I fattori da considerare, infatti, sarebbero moltissimi e riguarderebbero, solamente per citare i più importanti, la distanza dal confine svizzero, il consumo in litri per 100 chilometri della nostra vettura, la capacità del nostro serbatoio, il possesso, nel caso in cui si sia residenti in Lombardia, della ormai celeberrima Carta Sconto Benzina che, soprattutto in Fascia A, consentirebbe vantaggi non indifferenti, il prezzo medio dei carburanti distribuiti dal nostro gestore abituale, il cambio euro/franco svizzero.

Per aiutarvi in questi calcoli, sicuramente non alla portati di chiunque poiché veramente complicati, vogliamo oggi segnalarvi, dunque, un interessantissimo sito online, reperibile all’indirizzo internet risparmio.unico-lab.tk, che effettuerà queste complicate operazioni al posto nostro e che ci restituirà, una volta correttamente settato ogni parametro richiesto, il costo del rifornimento, agli attuali prezzi del mercato, effettuato in Italia ed in Svizzera, dandoci così l’opportunità di scegliere la soluzione a noi più vantaggiosa e, dunque, di risparmiare.

Commenti (1)

  1. PRIMA DEL REFRIGERANTE C´ERA USO ANCORA DEL ACQUA … NEL RADIATORE(QUI SI RICORDA),BENE PER RISPARMIARE BENZINA E SENZA COMPERARE AUTOMOBILI SPECIALI, BASTA ACQUISTARE PER INTERNET (DAGLI USA) UNA CALAMITA(FUEL SAVERS) CHE SI METTE SOPRA AL TUBO DELLA BENZINA,(SONO 2 META´) IN POSIZIONE PRIMA DEL SISTEMA DI INEZZIONE DEL CARBURANTE. QUESTA CALAMITA INSTALLATA CON UNA
    PROCEDURA FACILE, ORGANIZZA LA COMPOSIZIONE DEL POSITIVO E NEGATIVO DELLA BENZINA : DA MIGLIOR COMBUSTIONE,MOLTO RISPARMIO DELLA BENZINA,ALLUNGA LA VITA DEL MOTORE,OLIO,CATALIZZATORE,DA PIU CAVALLI DI FORZA AL MOTORE E MENO CO2 NEL ARIA.
    SPERO CHE SERVA IL CONSIGLIO. AH … MI DIMENTICAVO LA CALAMITA DURA CIRCA 30 A 50 ANNI.

Rispondi