Investire in oro fisico con monete o lingotti?

di GianniPug 1

Dopo ben 12 anni di rialzi consecutivi, la quotazione dell’oro è in calo di circa il 5% in questo primo trimestre 2013. Dai massimi di sempre di 1.921 dollari, toccati a inizio settembre 2011, il calo è pari al 20%

Dopo ben 12 anni di rialzi consecutivi, la quotazione dell’oro è in calo di circa il 5% in questo primo trimestre 2013. Dai massimi di sempre di 1.921 dollari, toccati a inizio settembre 2011, il calo è pari al 20%. Sembrerebbe una flessione del tutto fisiologica, visto che dieci anni fa il metallo giallo quotava in area 300 dollari, ma il trend rialzista è ormai finito secondo Goldman Sachs. Dopo il calo fino a 1.555 dollari di fine febbraio, l’oro è tornato a muoversi intorno a 1.600 dollari.

Sebbene ci sono almeno 5 buoni motivi per non investire in oro nel 2013, gli esperti consigliano di tenere il 3-5% del proprio portafoglio in oro. Il risparmiatore interessanto a investire in oro fisico, anziché attraverso prodotti finanziari, può puntare sulle monete d’oro oppure sui classici lingotti. Molti broker hanno tagliato le stime sull’oro per i prossimi mesi, ma c’è chi ancora scommette su futuri imponenti rialzi.

Roberto Binetti, amministratore delegato di Confinvest, società che dal 1982 si occupa di intermediazione su oro fisico e monete auree, ritiene che nei prossimi 12-18 mesi potrebbe realizzaresi la previsione di alcune banche d’affari americane di una quotazione dell’oro a 2.000 – 2.500 dollari. Il segnale rialzista fondamentale sarà la rottura di 1.700 dollari. Se si opta per strategie difensive, l’oro può essere acquistato “fisicamente” e per un 15-20% del portfolio totale.

L’esperto suggerisce di puntare sulle monete auree (come la sterlina Elisabetta II). La sterlina è la moneta d’oro pià conosciuta al mondo e quindi più facilmente liquidabile. Ottime scelte sono anche i krugerrand sudafricani e i marenghi italiani. Binetti sconsiglia di puntare sui lingotti d’oro, perché ciò significa pagare il prezzo massimo del giorno con l’aggiunta della manifattura.

Commenti (1)

  1. Non capisco come i lingotti possano essere meno convenienti delle monete.

    Lingotti di peso simile alle monete hanno una commissione di acquisto più bassa quasi ovunque, sono di oro puro, e vengono quindi riacquistati ad una quotazione maggiore rispetto alle monete in lega d’oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>