E’ rischioso investire in titoli di stato?

di GianniPug Commenta

La crisi dei debiti sovrani europei ha fatto emergere un problema esistito da sempre, ma che gli investitori di tutto il mondo avevano fatto presto a dimenticare: anche gli stati sovrani possono diventare emittenti rischiosi

La crisi dei debiti sovrani europei ha fatto emergere un problema esistito da sempre, ma che gli investitori di tutto il mondo avevano fatto presto a dimenticare: anche gli stati sovrani possono diventare emittenti rischiosi, per cui non possono essere mai essere considerati un investimento totalmente free risk. Ciò vuol dire che anche quei paesi che oggi godono del rating di massima affidabilità e rendimenti reali negativi, come Germania e Regno Unito, non possono essere completamente al riparo dalle bufere finanziarie.

Il merito di credito di molti paesi di economie “mature”, fino a qualche anno fa ritenuti altamente affidabili e a prova di default, è stato oggi messo in discussione. Parliamo ad esempio di paesi come la Spagna o l’Italia, che oggi offrono rendimenti sulla scadenza decennale superiori al 6%. Il rischio di insolvenza per uno stato sovrano nasce quando le finanze pubbliche sono fuori controllo oppure se c’è una gravissima crisi politica interna.

FINECO OFFRE 3.200 EURO AI NUOVI CORRENTISTI

Oggi il vero problema è rappresentato dal debito pubblico eccessivamente elevato per alcuni paesi (Italia su tutti), dal deficit di bilancio o dalla crisi del settore bancario (come accaduto in Spagna). Alla luce di queste considerazioni, è conveniente oggi acquistare titoli di stato italiani? La risposta non può essere né affermativa né negativa, in quanto bisogna sempre considerare singolarmente la posizione di ogni investitore (forza patrimoniale, tolleranza al rischio, età, professione, reddito, etc.).

COME SCEGLIERE UN CONTO DEPOSITO NON VINCOLATO

Di certo oggi i rendimenti offerti anche sulle scadenze più brevi sono accattivanti, tanto che nell’ultima asta dei BOT il tasso a 12 mesi ha sfiorato il 4%. Senza alcuna ombra di dubbio può essere interessante avere in portfolio i titoli di stato italiani (BOT, CTZ, BTP Italia e qualche BTP a 5 e 10 anni), ma bisogna calibrare bene l’equilibrio del proprio portfolio mantenendo una minore esposizione sull’azionario e aumentando la quota di liquidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>