Mutui costo in Italia tra i più alti d’Europa

di ND82 Commenta

Il costo dei mutui in Italia resta ancora troppo elevato, soprattutto se si considera che i tassi interbancari europei sono praticamente sui minimi storici

Il costo dei mutui in Italia resta ancora troppo elevato, soprattutto se si considera che i tassi interbancari europei sono praticamente sui minimi storici e che la Banca Centrale Europea ha deciso di confermare nella giornata di ieri il livello dei tassi di interesse allo 0,75%, ovvero sui minimi di sempre. Così, il vero costo per i consumatori risiede nello spread applicato dagli istituti di credito, che però in Italia resta su valori decisamente alti e superiori alla media europea.

I tassi Euribor, benchmark per i mutui a tasso variabile, e i tassi Irs, benchmark per i mutui a tasso fisso, sono su livelli minimi. Così in paesi come la Germania e l’Austria i tassi applicati dalle banche ai mutuatari sono in media inferiori al 3%. In Finlandia si spunta un tasso sui mutui addirittura dell’1,99%, mentre in un paese come la Spagna, in gravi condizioni finanziarie, il costo dei mutui è appena superiore al 3%.

MUTUI: SPECULAZIONE DELLE BANCHE SUI TASSI

In Italia, invece, le cose vanno decisamente peggio, anche perché è già molto difficile riuscire ad accendere un mutuo per la casa. Chi ci riesce deve versare mediamente un tasso superiore al 4%, anche se poco meno di un anno fa era stato raggiunto anche il clamoroso picco intorno al 4,6%. Peggio dell’Italia riesce a fare solo il Portogallo, dove gli istituti di credito applicano mediamente tassi del 4,4%.

La media europea è del 3,35%, considerando i paesi membri della zona euro. Per capire in soldoni quanto si paga con i mutui in Italia, si può fare l’esempio di un finanziamento a 20 anni acceso da una famiglia che vive a Milano per un controvalore di 130.000 euro. Ai tassi attuali di mercato, ci si ritroverebbe a restituire circa 9.500 euro all’anno!

Rispondi