Coronavirus, come possono le imprese richiedere un prestito

di Daniele Pace Commenta

Uno dei tipi di prestiti più richiesti, fino a questo momento, è sicuramente il finanziamento fino a 25 mila euro. Sono ben oltre 2 mila le domande che sono giunte ai due più importanti gruppi bancari nel giro solamente di sette giorni.

Coronavirus e prestiti alle imprese: ecco come fare richiesta

Non si tratta dell’unico sistema, però, in modo particolare per le piccole imprese, per poter eseguire l’accesso ai vari fondi che hanno la funzione di garantire il sostentamento della liquidità in questa fase estremamente complicata di ripartenza rispetto al lockdown dovuto al Coronavirus.

Sul portale online del fondo di Garanzia c’è la possibilità di fare domanda per un prestito fino a 25 mila euro: è sufficiente compilare il modulo per richiedere la garanzia fino ad un tetto massimo di tale importo. Il beneficiario deve provvedere a compilare e poi inviare lo stesso modulo via email, anche quando non si tratta di posta certificata, alla banca piuttosto che al confidi a cui si dovrà rivolgere per ottenere il finanziamento.

È stato il Governo a dare il via ad un nuovo decreto liquidità con tutta una serie di nuovi interventi per garantire il massimo supporto alla liquidità delle imprese. Con un provvedimento del genere, ecco che la dotazione del Fondo di Garanzia per le Pmi è arrivato fino a 7 miliardi, con una capacità di produrre liquidità fino ad un tetto massimo pari a 100 miliardi di euro.

È interessante chiarire quelli che sono i dubbi che emergono più di frequente. Ad esempio, se sia possibile per le pmi eseguire l’accesso alla garanzia Sace. Ebbene, stando a quanto è previsto dal decreto liquidità, sia le piccole che le medie imprese, a cui spetteranno 30 miliardi di euro di garanzia potranno inviare apposita richiesta alla Sace solamente dopo aver esaurito il rispetto plafond collocato presso il Fondo di garanzia. Inoltre, per le imprese più piccole c’è la possibilità di sfruttare anche una procedura decisamente più semplificata e snella. In quest’ultimo caso, però, si fa riferimento a quelle aziende che hanno un numero di dipendenti inferiore a 5 mila, con un fatturato più basso di 1,5 miliardi di euro, e per tutti i prestiti fino ad una soglia massima di 375 milioni di euro. I tempi con cui la garanzia viene rilasciata variano, ma sono comunque più rapidi. Infatti, l’evasione della pratica avviene nel giro di 48 ore dal momento in cui è stata fatta richiesta della banca, stando alle indicazioni che sono state diffuse alla medesima Sace.

Rispondi