Donazioni a partiti politici, ok le detrazioni anche a livello provinciale

di Daniele Pace Commenta

È arrivata finalmente la risposta all’interpello 201 del 6 luglio scorso, che permette di capire molto di più del funzionamento della possibilità di detrazione delle donazioni a partiti politici, in riferimento a tutte quelle erogazioni che hanno carattere di liberalità emesse da persone fisiche.

Donazioni a partiti politici provinciali: si possono detrarre, a patto di rispettare due condizioni

Ebbene, una prima e importante novità: si è avuta la conferma che le donazioni a partiti politici si possono detrarre anche quando sono fatte in favore del livello provinciale. Si tratta di una detrazione pari al 26% che riguarda le donazioni che sono comprese tra una quota minima di 30 e una quota massima di 30 mila euro.

Quindi, tale diritto spetta anche nel caso in cui le erogazioni di natura liberale avessero ad oggetto livelli provinciali del partito. È fondamentale, però, che vengano rispettate non una, ma due condizioni. La prima è che il partito politico nazionale deve obbligatoriamente aver completato l’iscrizione al registro nazionale, come previsto dall’articolo 4 del dl 149 del 2013. La seconda condizione è che il versamento della donazione avvenga mediante banca, posta oppure usato uno dei metodi di pagamento elencati dal dlgs 241 del 1997. È abbastanza chiaro come tale movimento di denaro deve essere sia facilmente tracciabile che identificabile nel soggetto che esegue la donazione, in maniera tale che l’Agenzia delle Entrate possa svolgere le dovute verifiche.

È sicuramente una notizia importante il parere positivi che è stato sottolineato da parte dell’Agenzia delle Entrate, che ovviamente non ha potuto far altro che fare richiamo ai vari documenti di prassi precedenti, in cui sono previsti i requisiti che è necessario comunque rispettare. In modo particolare, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a citare la circolare 13/E del 31 maggio 2019, la circolare 7/E del 27 aprile 2018 e la circolare 7/E del 4 aprile 2017.

Insomma, è abbastanza chiaro come debbano avvenire le donazioni a partiti politici a livello provinciale: per poter detrarre dalle tasse tali operazioni serve che il partito sia iscritto regolarmente presso il registro nazionale e che il versamento di denaro sia stato effettuato con un mezzo che ne consenta la tracciabilità. È importante sottolineare come, quando si parla di livelli provinciali, si fa riferimento ad articolazioni provinciali del partito che possono contare su una certa autonomia dal punto di vista negoziale e amministrativo.

Rispondi