Risparmiare sulle tasse

di Stefania Russo 1

In questo periodo la maggior parte dei contribuenti italiani si sta preparando a compilare la dichiarazione dei redditi relativa all'anno 2010..

In questo periodo la maggior parte dei contribuenti italiani si sta preparando a compilare la dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2010 e il cui scopo principale, almeno per coloro che non sono obbligati a presentarla, è quello di ottenere uno sconto presentando scontrini e ricevute che consentono di applicare le relative detrazioni e quindi di pagare meno tasse.

A tal fine, in particolare, gli esperti sostengono che il modo migliore per risparmiare sui soldi che ogni anno bisogna versare al fisco è quello di raccogliere di volta in volta in un’apposita cartellina tutti gli scontrini e le ricevute che consentono ridurre l’ammontare del reddito su cui vengono applicati gli scaglioni Irpef 2011.


Per fare questo è però necessario prima documentarsi per individuare le spese che possono essere portate in detrazione. Tra queste figurano in prima linea le spese mediche, quindi le visite mediche specialistiche (compreso il dentista), gli scontrini relativi all’acquisto dei farmaci (che devono obbligatoriamente riportare l’indicazione del codice fiscale) e l’acquisto di apparecchi medici (apparecchio per aerosol, misuratore di pressione, ecc.). Seguono gli interessi pagati per il mutuo, le spese inerenti alle ristrutturazioni edilizie o alle modifiche che consentono di ottenere un risparmio energetico; le spese per la polizza vita o per la pensione integrativa; l’assicurazione auto; le spese scolastiche ed universitarie; le spese di affitto se si hanno figli studenti universitari fuori sede; i contributi per la colf; le spese veterinarie, ecc. Tutte queste spese devono riguardare il contribuente che effettua la dichiarazione dei redditi o le persone che sono fiscalmente a suo carico.

Tra le spese che è possibile portare in detrazione e che molto spesso non vengono prese in considerazione figurano quelle inerenti alla detrazione per adozione a distanza o beneficenza.

Commenti (1)

Rispondi