Come risparmiare sulla bolletta del gas

di Stefania Russo Commenta

Tra i rincari che nel corso dell'anno appena iniziato le famiglie italiane si troveranno a dover affrontare figura...

Tra i rincari che nel corso dell’anno appena iniziato le famiglie italiane si troveranno a dover affrontare figura l’aumento dei prezzi di energia elettrica e gas annunciato dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, che soprattutto a fronte del rialzo delle quotazioni petrolifere ha stimato bollette più care in media di 53 euro nel corso del primo trimestre.

L’unica soluzione per fronteggiare questo ulteriore aggravio di spesa è cercare di risparmiare il più possibile sui consumi.

RISPARMIARE ENERGIA

Per quanto riguarda la bolletta del gas, in particolare, si può cercare di risparmiare in diversi modi. In cucina, ad esempio, si può risparmiare sul consumo di gas utilizzando sempre i coperchi delle pentole, in modo tale da ridurre i tempi di utilizzo del gas, nonché utilizzando appositi cestelli per la cottura a vapore e che consentono di cuocere più cibi contemporaneamente. Altro “trucco” per limitare l’utilizzo di gas è quello di spegnere, se possibile, il fornello poco prima del raggiungimento della cottura e far si che questa venga completata dal calore residuo. Per quanto riguarda l’acqua che si utilizza per la pasta o per la cottura di altri cibi, è bene metterne la quantità necessaria e non esagerare, in quanto maggiore è la quantità e maggiore sarà il tempo, e quindi il gas, necessario per farla bollire.

AUMENTO PREZZO BENZINA 2012, ECCO COME DIFENDERSI

In bagno, invece, il consumo del gas può essere ridotto semplicemente chiudendo il rubinetto ogni volta che non serve. Pensiamo ad esempio alla quantità di acqua calda, e quindi di gas, che viene sprecata quando ci si insapona sotto la doccia facendo scorrere inutilmente l’acqua calda, oppure semplicemente mentre ci si lava i denti.

Nel caso in cui la caldaia a gas serva anche per il riscaldamento, in questo caso per risparmiare occorre limitare l’utilizzo dei termosifoni. Questo significa che la temperatura in casa non dovrà essere eccessivamente elevata, in altre parole meglio accendere meno i termosifoni e indossare una felpa anziché una t-shirt di cotone. Inoltre è possibile risparmiare sul riscaldamento anche con altri semplici accorgimenti, ad esempio eliminando l’eventuale aria presente nei caloriferi e chiudendo quelli situati in stanze eventualmente non utilizzate, avendo cura di chiudere anche la porta della stanza inutilizzata per evitare la dispersione del calore che arriva dalle altre stanze.

Da non sottovalutare, inoltre, le eventuali offerte di altri operatori, in quanto per via della crescente concorrenza è possibile che ai nuovi clienti vengano offerti prezzi migliori. Per tale motivo è consigliabile farsi fare dei preventivi da altre aziende.

Rispondi