Prestiti cessione quinto dello stipendio in costante aumento

di ND82 Commenta

Secondo un’indagine condotta dal broker online Prestiti.it, che ha esaminato 2mila casi in collaborazione con il portale Facile.it, sempre più italiani stanno facendo ricorso alla cessione volontaria di parte del proprio stipendio o pensione per accedere ai prestiti

Secondo un’indagine condotta dal broker online Prestiti.it, che ha esaminato 2mila casi in collaborazione con il portale Facile.it, sempre più italiani stanno facendo ricorso alla cessione volontaria di parte del proprio stipendio o pensione per accedere ai prestiti. Con il settore del credito bloccato, coloro che hanno una storia creditizia non particolarmente brillante o coloro che non possono presentari garanzie reali soddisfacenti stanno scegliendo sempre più la cessione del quinto dello stipendio. Nel semestre maggio-ottobre 2012, le richieste di cessione del quinto sono aumentate del 3% rispetto allo stesso periodo del 2011.

Alla luce di questi risultati, la cessione del quinto dello stipendio è diventata la forma di finanziamento che copre il 19,8% del mercato dei prestiti in Italia. Questo strumento si sta diffondendo sempre più in Italia, soprattutto da quando è stata concessa la possibilità di richiedere la cessione del quinto anche per i dipendenti privati e per i pensionati.

Questa forma di finanziamento è molto vantaggiosa per coloro che non hanno un reddito mensile particolarmente elevato e che hanno alte spese. La cessione del quinto consente di determinare autonomamente l’importo della rata mensile, che resterà identica per l’intera durata del prestito. La cessione del quinto è molto richiesta dai dipendenti privati (58%), poi dai dipendenti pubblici e statali (23%) e infine dai pensionati (14%).

La maggioranza dei richiedenti è di sesso maschile (72%). In media, nel periodo considerato nell’indagine, l’importo richiesto è stato pari a 18.400 euro, con durata del finanziamento pari a 6 anni ed età del richiedente pari a 43 anni. La cessione del quinto è molto richiesta nel Mezzogiorno d’Italia, dove si evince anche che la situazione economica è più difficile rispetto al Centro-Nord.

Rispondi