Delegazione di pagamento, cos’è, chi la può richiedere e quali vantaggi comporta

di matteo carriero Commenta

La delegazione di pagamento rappresenta un’interessante soluzione per i soggetti interessati a ottenere un prestito personale. Ma, nel dettaglio, cos’è la delegazione di pagamento e chi può richiederla?

Il prestito con delegazione di pagamento è caratterizzato dalla possibilità di estinguere l’importo dovuto attraverso una trattenuta dello stipendio con una rata che viene pagata direttamente dal datore di lavoro del soggetto che sottoscrive l’operazione. Chi sottoscrive il prestito delega un altro soggetto (il proprio datore di lavoro) a pagare al posto suo (trattenendo così una quota della busta paga).

Chi può richiedere la delegazione di pagamento per un prestito personale? Come si evince da quanto accennato sopra, tale soluzione può essere scelta esclusivamente da lavoratori dipendenti, a patto che i relativi datori di lavoro accettino la delegazione di pagamento per iscritto.

Va considerato che il cliente che decide di beneficiare di un prestito con delegazione di pagamento deve inoltre stipulare polizze assicurative a beneficio del cessionario del prestito, garantendo quest’ultimo in caso, per esempio, di decesso o di perdita del lavoro da parte del soggetto che beneficia del prestito. Il pagamento del premio delle polizze rischio vita e rischio impiego è a carico del soggetto che riceve il finanziamento.

Ma quali sono i vantaggi connessi alla delegazione di pagamento? Tale soluzione, per certi versi non lontana dalla Cessione del Quinto, permette di ottenere un tasso fisso, di scegliere l’importo della rata che si va a pagare e la durata del prestito, nonché di godere della comodità inevitabilmente connessa alla delega stessa, ovvero al pagamento delle rate che avviene “automaticamente” tramite trattenute sulla busta paga.

È inoltre importante notare che la delegazione di pagamento permette spesso di ottenere finanziamenti per importi di grande entità, altrimenti difficili da ottenere, e che in certi casi consente di essere valutati positivamente per l’erogazione di un prestito anche se si è soggetti con precedenti difficoltà di accesso al credito.

Photo credits | Eric Caballero su Flickr

Rispondi