Insegnare ad un figlio a risparmiare

di Sveva Commenta

Insegnare ai figli a risparmiare è fondamentale per fare cresce i piccoli di casa con il giusto valore dei soldi.

Insegnare a un figlio a risparmiare è una delle cose più difficili per un genitore che generalmente tende a non fare mancare niente al piccolo di casa. Ma tra non fare mancare niente e insegnare il valore dei soldi c’è una bella differenza: ecco perché, per formare nel modo corretto gli uomini del domani, è fondamentale insegnare a un figlio a risparmiare. Come?

risparmio

I metodi possono essere molti e ovviamente dipendono da caso a caso. In generale, per insegnare a un figlio a risparmiare è necessario responsabilizzarlo fin da piccolo. Sulla importanza di dare la paghetta settimanale si discute tutt’ora: c’è chi è favorevole e chi contrario, certo è che la paghetta settimanale è un valido aiuto per insegnare ai figli il valore dei soldi. Certamente la paghetta deve essere congrua all’età del bambino (sarebbe deleterio dare cinquanta euro a settimana ad un adolescente, tanto per intenderci) perché solo in questo modo si riuscirà ad insegnare ai figli il valore dei soldi.

Cominciare a instradarli, facendo capire loro che i soldi si guadagnano con fatica e solo in certi casi, quando si può, è giusto regalarsi quello che ci piace, è il modo perfetto per responsabilizzare fin da subito i figli. Poi ovvio che laddove si può è anche giusto coccolare i piccoli di casa, regalando loro la classica ricompensa nei casi in cui merita. Ma senza mai perdere di vista l’obiettivo principale, che rimane quello di una gestione oculata e ponderata dei soldi. Risparmiare soldi non è certo facile ma con un po’ di attenzione l’impresa è fattibile.

Foto | Thinkstock

Rispondi