I servizi fantasma

di Cristina Baruffi Commenta

Alla luce di questi fenomeni vi diamo una serie di consigli per riuscire a risolvere questi "piccoli" inconvenienti.

Si sentono sempre più spesso casi di persone che si vedono arrivare bollette per servizi mai richiesti, come abbonamenti telefonici o l’attivazione di una segreteria, o che non riescono a disdire un’abbonamento.
Alla luce di questi fenomeni vi diamo una serie di consigli per riuscire a risolvere questi “piccoli” inconvenienti. Per prima cosa è indispensabile fare un reclamo scritto e mandare una raccomandata a/r per riavere indietro la somma pagata impropriamente.


Se non ricevete nessuna risposta, vi consigliamo di rivolgervi senza esitazione all’Agcom, (Autorità garante delle comunicazioni) per denunciare l’attivazione o la mancata disdetta da parte dei servizi di telecomunicazioni.
L’Agcom ha il potere di infliggere sanzioni all’azienda ma non vi permetterà di ottenere un risarcimento. Se anche in questo caso non otterrete nessuna risposta si può tentare una conciliazione attraverso il Corecom (Comitati regionali per le comunicazioni) in cui dovrete descrivere la controversia indicando i vostri dati e quelli dell’azienda in questione.
Se anche dopo questo tenativo, non si giungerà una soluzione definitiva, non resta che rivolgersi all’autorità giudiziaria e in particolar modo al giudice di pace.

Rispondi