Come risparmiare sulle cartucce della stampante

di Alessandro Bombardieri Commenta

Breve guida per la ricarica delle cartucce.

Chi fa grosso uso della stampante a casa oppure in ufficio sicuramente sa quanto inchiostro viene utilizzato, e perciò diventa importante poter risparmiare sulle cartucce della stampante. Per fortuna è possibile farlo in maniera molto semplice, arrivando anche a risparmiare il 70% rispetto all’acquisto di cartucce standard.


Sono ancora tantissime le persone che quando una cartuccia della propria stampante termina si dirigono al negozio per comprare una nuova cartuccia, ma ormai in tantissimi negozi è possibile risparmiare molto grazie alla ricarica delle cartucce stesse.

Su tutto il territorio italiano le due più grosse catene che si occupano di questo servizio sono Eco Store e Prink, con 330 e 727 centri rispettivamente distribuiti sul territorio. Con così tanti negozi a disposizione diventa anche molto più facile trovare un centro ufficiale per la ricarica vicino alla propria casa.

RISPARMIARE L’INCHIOSTRO DELLA STAMPANTE

Recandosi presso uno di questi negozi sarà possibile far ricaricare le proprie cartucce, che vengono testate per verificarne l’integrità, quindi vengono ricaricate sotto vuoto con l’inchiostro adatto, il tutto in pochi minuti. Dopo questa procedura la cartuccia viene sottoposta ad un test di stampa per verificarne il corretto funzionamento, e quindi il cliente può ritornare a casa con le cartucce ricaricate. Scegliendo questa via il risparmio rispetto all’acquisto di una cartuccia nuova si aggira solitamente sul 50%.

È anche possibile risparmiare di più, scegliendo di ricaricarsi da soli le cartucce. Sono infatti in vendita degli appositi kit di ricarica fai da te, che danno l’opportunità di ricaricare da soli le proprie cartucce terminate, senza nemmeno dover uscire di casa, e permettendo risparmi anche del 70%.

Rispondi