Dichiarazione dei redditi 2013 detrazioni

di Alessandro Bombardieri Commenta

Ecco le spese detraibili dalla dichiarazione dei redditi.

Siamo ormai nel periodo in cui bisogna compilare la dichiarazione dei redditi, anche se quest’anno alcune scadenze sono state prorogate. Alcune spese effettuate durante l’anno fiscale possono essere detratte, in questa breve guida vediamo quali sono le spese detraibili per la dichiarazione del 2013.


Ristrutturazione Immobiliare – È prevista una deduzione maggiore in percentuale rispetto al 2012 nel caso di ristrutturazione di immobili, infatti è possibile detrarre il 50% per gli interventi di ricostruzione o di ripristino di immobili danneggiati, anche per danni conseguenti da calamità.

Riqualificazione Energetica – Nel 2013 si possono detrarre il 55% delle spese, rispetto al 36% previsto dalla norma definitiva. Per poter usufruire della detrazione fiscale gli interventi devono essere effettuati sugli edifici già costruiti, invece non sono detraibili le spese sostenute per gli immobili in fase di realizzazione.

Assicurazioni Auto – Si può detrarre solo la parte eccedente 40 euro del Contributo al Servizio Sanitario Nazionale del premio assicurativo per i veicoli, cioè il 10,5% della spesa totale.

CHI DEVE FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Abitazioni e locazioni – I contribuenti in affitto e con un basso reddito potranno detrarre una parte delle spese per l’affitto della prima casa, nello specifico 300 euro se in possesso di un reddito inferiore a 15.493,71 euro o 150 euro se in possesso di un reddito compreso tra 15.493,71 e 30.987,41 euro. Se il contribuente che prende in affitto un’immobile come abitazione ha meno di 30 anni, potrà detrarre altri 991,60 euro per i primi 3 anni del periodo di locazione, nel caso in cui il reddito sia inferiore ai 15.493,71 euro.

Altre Spese – Non hanno subito modifiche le spese mediche, le spese di istruzione secondaria, universitaria o post-universitaria, i contributi previdenziali per il riscatto degli anni di laurea, gli assegni di mantenimento per l’ex coniuge, le spese effettuate per adozioni a distanza, le spese e contributi per le badanti e colf. In questi casi servono i documenti che provano le spese.

Rispondi