Bollette gas e luce: come scegliere il gestore migliore

di isayblog4 Commenta

Per molti arrivare a fine mese non è così facile, soprattutto se si considerano le spese fisse per la casa, come affitto e bollette varie. Internet in questo ci viene in aiuto, grazie alla possibilità di confrontare tra loro le offerte di tutti i fornitori di servizi oggi disponibili nel nostro Paese. Le offerte infatti non sono tutte uguali tra loro e alcuni gestori stanno attivando metodi particolari per attirare nuovi clienti, che passano anche attraverso una diminuzione delle spese.

Le offerte migliori
Visto che luce e gas sono tra le voci di spesa più importanti per la casa conviene non lasciarsi guidare dal caso quando si sceglie un fornitore di questi servizi. In rete si trovano le proposte di tutte le compagnie disponibili in Italia e con la liberalizzazione del mercato ogni cliente è del tutto libero di selezionare il gestore che predilige, senza doversi preoccupare di contratti o di altre problematiche. Tra le offerte più interessanti vi vogliamo segnalare quella di uBroker, un fornitore unico di gas e luce che mantiene le promesse. Stiamo parlando della possibilità di avere energia da fonti rinnovabili e una bolletta flessibile: paghi solo ciò che consumi e verifichi le bollette direttamente online grazie alla web app di uBroker. Inoltre, aderendo al servizio ScelgoZero puoi accumulare sconti, fino a non pagare più nulla per la bolletta. Il funzionamento è facile: per ogni persona che accede al servizio tramite il tuo consiglio otterrai uno sconto diretto in bolletta, per sempre. Con il passare del tempo basta un minimo di attività in questo senso per raggiungere sconti consistenti, anche del 50-70 o addirittura del 100%. Niente più spese per gas e luce, per sempre.

Risparmiare sulla bolletta
Oltre a scegliere uBroker un buon modo per spendere meno per il gas e la luce consiste nell’evitare gli sprechi. Del resto non si tratta solo di una questione correlata alle spese mensili, ma anche di rispettare l’ambiente. Buona parte dell’inquinamento presente nelle città deriva infatti dai nostri consumi di energia elettrica e gas. Per limitare questo inquinamento possiamo imparare ad utilizzare al meglio gli impianti di casa, che vanno anche mantenuti sempre in perfette condizioni di funzionamento. Dopo vari anni conviene anche sostituire la vecchia caldaia, con nuovi modelli a condensazione, che dimezzano i consumi e l’inquinamento immesso in atmosfera. La spesa per la sostituzione della caldaia può essere significativa, si deve però tenere conto del fatto che il 50% di tale spesa ci viene restituito dallo Stato, grazie alla Legge di Stabilità, che ha prolungato fino a fine 2018 la possibilità di ottenere importanti sgravi fiscali sui lavoro di ristrutturazione della casa. Rientrano in queste spese anche le ristrutturazioni per migliorare la coibentazione delle pareti, o per la sostituzione degli infissi. Con migliorie di questo genere si possono ottenere importanti modifiche dei consumi mensili. Non solo, un impianto nuovo e una casa totalmente ristrutturata risulta anche molto più comoda e vivibile, per tutta la famiglia; questo è il periodo giusto per svolgere questo tipo di lavori.

 

Rispondi