Zafferano, rimedio naturale low cost contro l’Alzheimer?

di Sveva Commenta

Lo zafferano potrebbe essere un valido rimedio low cost contro l’Alzheimer? E’ quello che afferma uno studio tutto italiano che punta sui benefici di questa spezia.

A spiegare il legame tra zafferano e Alzheimer è Antonio Orlacchio, direttore del Laboratorio di Neurogenetica del Centro europeo di ricerca sul cervello (Cerc) dell’Irccs Santa Lucia di Roma e professore di Genetica medica all’Università di Perugia, autore di uno studio pubblicato sul ‘Journal of the Neurological Sciences. All’AdnKronos Salute afferma:

L’estratto di zafferano agisce un po’ come un abile spazzino, favorendo la degradazione della proteina beta-amiloide, la proteina tossica principale indiziata di causare la malattia di Alzheimer, almeno nel nostro studio condotto su cellule di pazienti in provetta. Questo tipo di studio, effettuato per ora a livello cellulare, potrebbe essere alla base di nuovi farmaci mirati contro questa malattia che colpisce nel mondo una persona ogni tre secondi

Lo studio è dunque partito dai conosciuti effetti benefici dello zafferano per andare oltre. Proprio il professor Antonio Orlacchio aggiunge qualcosa in merito allo studio:

Precedenti studi ne hanno messo in luce l’enorme potenziale neuroprotettivo. Questo perché la spezia contiene potenti antiossidanti e molecole bioattive, quali crocine e crocetine. Così nel nostro studio abbiamo trattato cellule immunitarie di 22 pazienti, uomini e donne con la forma più diffusa di Alzheimer e un quadro di declino cognitivo, con un componente attivo dello zafferano, la trans-crocetina

Ti potrebbe interessare anche:

Cannella, rimedio low cost per migliorare memoria e apprendimento

Come coltivare lo zafferano in vaso

Photo | Thinkstock

Rispondi